Passa ai contenuti principali

Alice Colombo e i collages

Per la serie dedicata agli artisti i cui lavori mi hanno colpito particolarmente, voglio dedicare questo post ad Alice Colombo.


At the beginning
mixed media and collage on canvas, 30,8 x 30,8 cm, 2015 - courtesy l'artista


Alice Colombo fa collages su tela o cartone telato, completando i lavori con piccoli o grandi interventi in tecnica mista. Le opere compiute appaiono come piccoli quadretti, a volte preziosamente incorniciati come antichi cameo. Le composizioni nascono da immagini ritagliate, isolate dal loro contesto originario e poi ricombinate tra loro, magari con l’ausilio di un disegno, a dar vita a una nuova forma, a volte una narrazione, forse una favola.
Brandelli di architetture, pezzi del mondo animale e retaggi di altri mondi tra loro apparentemente lontani si fondono in una sola figura, dall’apparenza organica, a dar vita, quasi, a una nuova creatura.

Don't be shy
mixed media and collage on canvas, 50 x 60 cm, 2015 - courtesy l'artista
Di questi lavori mi piace la cura, la minuzia con cui sono realizzati. Apprezzo l’armonia di forme e colori delle composizioni, a cui non è però estranea una certa intensità drammatica.
Di certo, c’è qualcosa di magico in questi lavori: sembrano strutture poetiche decostruite e poi ricomposte in forme nuove, diverse, che paiono provenire da altri mondi.
Esplorazione
mixed media and collage on canvas, 70 x 100 cm, 2013 - courtesy l'artista

Personalmente, in generale in questo periodo sono affascinata dal collage, mi piace quello di epoca Bauhaus soprattutto. Ha qualcosa nel modo in cui rende le immagini di molto attuale, in cui la sincronicità delle forme si affianca in maniera del tutto spontanea ad un forte impatto visivo. Particolarmente interessante poi, anche dal punto di vista concettuale, è la tecnica del montaggio: quel gesto che ci fa prendere elementi dal mondo che ci circonda, fissarli nella nostra memoria per poi riassemblarli regalando loro un senso nuovo, spesso surreale, ma emotivamente pregno. È un modo per prendere le mosse dalla realtà concreta, per poi ritrovarsi in un mondo di fantasia e infine, forse, accorgersi addirittura che le due – realtà e fantasia – non sono che l’una lo specchio dell’altra.
Nel sogno, e nella favola, l’apparenza tace e parla l’essenza. Solo che questa si esprime per metafore, iperboli e altre figure retoriche. Proprio come accade nelle poesie.

Accarezza il vento
mixed media and collage on canvas, 50 x 60 cm, 2015 - courtesy l'artista


Alice Colombo è nata a Milano nel 1981. Vive e lavora a Londra.
Altre info su: www.alicecolombo.com 



Post popolari in questo blog

Paul Klee, Walter Benjamin e l'angelo della storia

Paul Klee, Angelus Novus, 1920 (immagine scaricata dal web) Il 18 dicembre di 138 anni fa, in Svizzera, nasceva uno degli artisti che forse, tra i classici, mi stanno più a cuore. Si tratta di Paul Klee e voglio ricordarlo in questo blog con una citazione di un grandissimo filosofo, Walter Benjamin. I due, il filosofo e l'artista, oltre al fatto di  vedersi entrambi spesso e volentieri storpiati i nomi (...mai sentito parlare di Uolter Bengiamin e Pol Klì?😒) sono infatti accomunati da qualcosa di assai più profondo. Credo che Benjamin, e Klee, abbiano ancora molto da insegnare anche a noi, oggi. Perciò ho pensato di scrivere questo post. Nelle sue Tesi sulla Filosofia della Storia , Benjamin commenta un quadro di Klee, per la precisione L'Angelus Novus . Il quadro rappresenta la figura stilizzata di un angelo con le ali spiegate, che volge però il volto e lo sguardo indietro.  Secondo Benjamin, questo è l'angelo della storia: con gli occhi rivolti al

La politica della bellezza e l'anima della città. Lettura e interpretazione di un saggio di James Hillman

Politica della bellezza è il titolo di una raccolta di saggi scritti da James Hillman, il grande filosofo e psichiatra americano scomparso alcuni anni fa, e già leggendolo (il titolo, ancora prima del libro) viene alla mente l’enorme distanza che separa il concetto di bellezza da quello di politica, almeno per quella che è la comune esperienza condivisa dei nostri tempi. Ma va beh, questa è un’altra storia. In realtà infatti, come era immaginabile, i saggi raccolti nel libro non parlano di politica in senso stretto, ma spiegano invece perché concetti come la bellezza e la politica (nel senso della polis , cioè del nostro vivere comune e condiviso) intanto hanno profondamente a che fare l’uno con l’altro e poi, soprattutto, hanno tremendamente a che fare con noi e con le nostre vite quotidiane. Anche se noi non ce ne accorgiamo. A chi volesse approfondire questi temi per intero e in maniera esaustiva rimando alla lettura del testo (James Hillman, Politica della bellezz

Noi, George Orwell e il doublethink

immagine scaricata dal web Centoquindici anni fa come oggi nasceva George Orwell, il grande scrittore inglese autore, tra gli altri, del romanzo  1984 .  Amo molto quel libro  - e insieme lo temo, perché l'universo distopico che vi viene raccontato, troppo spesso mi pare ricordare anche troppo da vicino almeno qualcosa di ciò che viviamo ai nostri giorni. In questo post mi voglio soffermare su un solo esempio: il bispensiero (o bipensiero, in inglese doublethink ). Copio qui le parole di Orwell per dire di che si tratta, che cos'è il doublethink .  Mi piacerebbe che dopo averle lette ci ponessimo delle domande: quando ho sentito qualcuno parlare o ragionare in questo modo l'ultima volta? Nei media, nei social, in televisione? Noi lo facciamo mai? Riteniamo legittimo e, ancor più, desiderabile, che esista qualcuno o qualcosa che ragiona così, che ritorce la verità e le notizie in questo modo, prima che ci arrivino?  Esiste un modo di pensare che ricalca que